Menu
crostata vegana alla crema pasticcera
Dolci

Crostata vegana alla crema pasticcera

Non mi stancherò mai di dirlo, i dolci più semplici sono sempre i migliori. È proprio il caso di questa crostata vegana alla crema pasticcera che è diventata senza dubbio la mia preferita in assoluto.

Che cosa la rende così speciale? La frolla preparata con semola rimacinata di grano duro. Per abitudine ho sempre utilizzato la farina, che fosse semi integrale, integrale o 00, non mi era mai venuto in mente di sperimentare con la semola. Un giorno mi sono resa conto di avere in dispensa tanti pacchi di semola rimacinata e quindi mi son detta, perché non provare a preparare una frolla per smaltirne un po’? Intuizione non fu mai così azzeccata! È diventata la mia frolla del cuore: friabile, rustica e dal sapore irresistibile. Ormai utilizzo solo questa anche per preparare biscotti e qualsiasi altra ricetta preveda la frolla.

Ma questa crostata ha anche un cuore cremoso di crema pasticcera aromatizzata al limone e alla vaniglia al quale è difficile resistere!

Quali ingredienti troverai nella mia crostata vegana alla crema pasticcera e sostituzioni

Semola rimacinata di grano duro: è diventata la mia farina preferita per la preparazione della frolla. Conferisce una consistenza friabile e rustica, perfetta per accogliere la crema pasticcera. Se vuoi puoi comunque sostituirla con della farina semi integrale tipo 1 o tipo 2 oppure con della farina di farro o 00.

Farina di mandorle: aggiunge una nota speciale alla frolla e le conferisce un gusto delicato inconfondibile.

Zucchero a velo di canna: consente di ottenere una frolla liscia ed omogenea, dolce al punto giusto. Io lo preparo in casa tritando quello in grani con un trita spezie. Se preferisci ne esistono già pronti in commercio. Puoi sostituirlo con dello zucchero a velo bianco.

Margarina vegetale: aggiunge alla frolla quella nota burrosa che per me è fondamentale in una crostata e consente di ottenere la sabbiatura, fondamentale per una frolla friabile e consistente. Puoi comunque sostituirla con 120 g di olio di semi di girasole, tieni presente però che il gusto e la consistenza della frolla saranno differenti rispetto alla mia.

Bevanda vegetale di soia non zuccherata: la base della mia crema pasticcera vegana. Puoi sostituirlo con della bevanda vegetale di avena o di riso non zuccherate.

Amido di mais: rende la crema pasticcera cremosa e vellutata. Può essere sostituito con la stessa quantità di fecola di patate.

Ottime ragioni per provare la mia crostata vegana alla crema pasticcera

  • 100% vegetale
  • senza latticini
  • senza uova
  • friabile
  • gustosa
  • cremosa
  • profumata
  • perfetta a fine pasto o per merenda

Ingredienti

Dosi per: uno stampo da crostata da 22 cm ⌀ | Preparazione: 45 minuti | Cottura: 30-35 minuti

Per la frolla
400 g semola rimacinata di grano duro Grandi Molini Italiani
35 g farina di mandorle
100 g zucchero a velo di canna
160 g margarina vegetale
3-4 cucchiai di bevanda vegetale di soia non zuccherata
1 limone, la scorza
1 pizzico di sale

Per la crema pasticcera vegana
550 ml bevanda vegetale di soia non zuccherata
55 g amido di mais
90 g zucchero
1 bacca di vaniglia
2-3 scorzette di limone
1/2 cucchiaino di curcuma (opzionale)

Per decorare
zucchero a velo q.b

Come preparare la crostata vegana alla crema pasticcera

Inizia con la frolla di semola rimacinata

1 – In una ciotola capiente unisci la semola rimacinata, la farina di mandorle, lo zucchero a velo di canna, il sale e la scorza grattugiata di un limone, quindi amalgama bene tutti gli ingredienti con un cucchiaio di legno.

2 – Ora aggiungi la margarina vegetale fredda da frigo tagliata a cubetti e lavorala sfregandola tra le dita insieme agli ingredienti secchi per ottenere un composto sabbiato.

3 – Unisci a che la bevanda vegetale di soia e continua lavorare gli ingredienti fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo, La lavorazione dovrà essere abbastanza veloce per evitare che la margarina si riscaldi eccessivamente.

4 – Copri la frolla con della pellicola alimentare e lasciala riposare in frigo per almeno 30 minuti.

Prepara la crema pasticcera vegana

5- In un pentolino unisci tutti gli ingredienti previsti: la bevanda vegetale, l’amido di mais, lo zucchero, 2-3 scorzette di limone, la bacca di vaniglia incisa e la curcuma.

6 – Con una frusta amalgama bene tutti gli ingredienti, quindi porta il pentolino sul fuoco e, mescolando di continuo con la frusta, lascia che la crema si addensi, ci vorranno circa 5 minuti. Quando la crema raggiungerà un leggero bollore togli le scorzette di limone e la bacca di vaniglia.

7 – Una volta spenta la fiamma continua a mescolare con la frusta per qualche minuto in modo tale che non si creino grumi.

8 – Trasferisci la crema pasticcera in una ciotola e coprila con della pellicola alimentare a contatto.

Assembla e fai riposare in frigo la crostata

9 – Preleva due terzi della frolla e stendila con un matterello. Ricopri la teglia (meglio se con fondo removibile), falla aderire bene e bucherella il fondo con una forchetta.

10 – Ora farcisci la frolla con la crema pasticcera e livellala bene con una spatola. Nel caso in cui la crema pasticcera dovesse essersi compattata lavorala qualche minuto con la frusta per farla tornare cremosa.

11 – Ora chiudi la crostata con delle strisce di frolla ottenute con il pezzo di frolla rimasto. Io ne ho fatte 8 da circa 2-3 cm di larghezza.

12 – Trasferisci la crostata in frigo per almeno mezz’ora prima di infornarla a 180° C per 30-35 minuti. Il passaggio in frigo aiuterà la crostata a mantenere la propria forma in cottura.

Sforna e decora

13 – Una volta pronta, aspetta che sia completamente fredda prima di toglierla dallo stampo. Infine, decorala con dello zucchero a velo in superficie.

crostata vegana alla crema pasticcera

I miei consigli

Ti è piaciuta questa ricetta? Se hai preparato la mia crostata vegana alla crema pasticcera mi piacerebbe che tu lo condividessi con me taggandomi su Instagram @essenzavegetale o lasciandomi un commento qui sotto.

Se stai cercando altre idee per dei dolci buonissimi e 100% vegetali dai uno sguardo alla sezione dolci.

Nessun Commento

    Lascia un Commento